Proroga bonus verde: cos’è e chi ne può usufruire

Condividi l'articolo...

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

La proroga del bonus verde era estremamente attesa anche in questo 2020; torna l’occasione, per tanti contribuenti italiani, di poter intervenire con opere e lavori nella sistemazione e nella cura del verde. Di cosa si tratta realmente?

ProntoRiparazioni che si occupa della fruizione di servizi quali fabbro, idraulico, elettricista, assistenza caldaie, assistenza condizionatori è sempre aggiornato su queste tematiche per apportare il miglior contributo possibile alla propria clientela da oltre 20 anni.

Quindi andiamo a vedere cosa è il Bonus verde 2020 e di cosa tratta.

Bonus verde 2020: di cosa si tratta

Il bonus verde è un incentivo.  L’agenzia delle entrate ha messo in campo importanti incentivi per sistemare il verde privato. Infatti, tramite il “bonus verde” avrai diritto alla restituzione del 36% delle spese sostenute per riqualificare il tuo verde. La bella notizia è che è stato confermato fino a dicembre del 2020!

In cosa consiste, effettivamente? Partiamo da un esempio esplicativo: pensa di voler realizzare un giardino pensile per una spesa di 1000 €. A quel punto, subentra l’ausilio dell’Agenzia delle Entrate.

Come? Restituendoti il 36% del conto in detrazioni Irpef. All’atto pratico, l’Agenzia non ti verserà il 36% effettivo del costo che hai affrontato (360 €, in questo caso), ma, attraverso più rate annuali, ti restituirà la somma scalandola dalle tasse future.

Proroga bonus verde: cos’è e chi ne può usufruire

Prima di avviare i lavori, però, bisogna tener presente che il Bonus Verde è legato all’immobile per cui vengono effettuati i lavori. Restano esclusi il proprietario o il titolare di un diritto sull’immobile stesso.

Di conseguenza, ciascuna persona fisica ha la possibilità di sommare le detrazioni per le spese effettuate su ogni immobile che possiede. 

Bonus verde 2020: quali sono i lavori detraibili e quali gli esclusi

Risulta fondamentale comprendere quali siano effettivamente i lavori che possono godere di questa importante agevolazione fiscale. Le opere in questione sono le seguenti:

  • Grandi potature e riqualificazione di prati;
  • Sistemazione di aree private;
  • Realizzazione di pozzi ed impianti di irrigazione;
  • Fornitura di piante e arbusti;
  • Realizzazione di giardini pensili. 

Inoltre, si specifica che anche le spese di progettazione rientrano nei costi detraibili, nella situazione in cui siano relative a lavori avviati successivamente.

proroga bonus verde 2020

A rimanere esclusi, al contrario, sono gli acquisti di attrezzature sia per la cura che per la manutenzione del giardino:  tagliaerba, pale, picconi, vanghe, forbici e vasi che non apportano alcun miglioramento allo spazio verde di competenza.

Bonus verde 2020: metodi di pagamento

Le modalità di pagamento per le spese sostenute devono essere:

  • bonifico bancario o postale
  • assegno bancario o postale
  • carta di credito
  • bancomat

È importante che, nel documento di spesa, venga indicato il codice fiscale di chi usufruirà del beneficiario e l’immancabile descrizione dell’intervento effettuato.

L’obiettivo, ovviamente, sarà quello di accertarsi che quest’ultimo rientri nei parametri per l’agevolazione. 

Bonus verde 2020: la proroga

In un primo momento, il bonus verde non era stato riconfermato dal Governo italiano.

Poi, nell’ultima settimana di novembre, la svolta: la notizia ampiamente apprezzata circa il rilascio di queste agevolazioni, atte ad incentivare il settore del verde privato anche per l’anno 2020.

Condividi l'articolo...

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

ATTENZIONE: informiamo la gentile clientela che ci siamo adoperati per lavorare nel pieno rispetto del protocollo contro il COVID-19 (Coronavirus) per tutelare la sicurezza dei nostri clienti e dei nostri operatori.